Posts Tagged With: rottamatore

Basta dividerci

nardone - destraPassare dalle divisioni alle moltiplicazioni. Questo, in soldoni, è il concetto che dovremmo cominciare a perseguire fattivamente se vogliamo che il sogno di un nuovo soggetto in grado di rappresentare tutte le anime della destra che ambisce a governare l’Italia non rimanga tale. Anzitutto tengo a chiarire un concetto: non ho nulla contro Matteo Salvini che considero, anzi, una risorsa importante se non addirittura imprescindibile per il centrodestra che verrà; molto semplicemente, ritengo che lui e la Lega Nord possano essere degli ottimi alleati, ma non certo il punto d’approdo per chi abbia in animo di dare vita a una destra nazionale che coltivi l’ambizione di restituire pieno diritto di cittadinanza a un comune sentire che, nel Paese, continua a essere maggioritario.

A tale proposito, mi domando che senso abbia, mentre ancora ci lecchiamo le ferite causate dallo scioglimento di Alleanza Nazionale nel Popolo della Libertà, considerare l’ipotesi di essere fagocitati nuovamente da un soggetto altro che, per quanto affine su alcuni temi (non certamente tutti, almeno per quanto mi riguarda), nella più raggiante delle ipotesi, non costituirebbe che l’ennesima soluzione di ripiego. Eppure, non curante delle lezioni del recente passato, la variegata galassia della destra italiana pare godere nell’autoflagellarsi di continuo, alimentando la percezione che tragga la propria linfa vitale da una sorta di autolesionismo congenito, che spinge chi la rappresenta alla spasmodica ricerca di elementi di rottura, quasi a voler creare in laboratorio il pretesto attraverso cui giustificare – a loro stessi e agli altri – l’impossibilità di stare uniti e la conseguente necessità di accasarsi altrove. Accadde ieri con Silvio Berlusconi, e rischia di ripetersi oggi con Matteo Salvini. Pensateci.

Quando, nel 2011, pubblicai la prima edizione del mio libro “La destra che vorrei”, ero assolutamente conscio del fatto che sarebbe risultato indigesto ai più, visto e considerato che in quelle pagine mi spinsi a criticare apertamente tanto Berlusconi quanto Gianfranco Fini in una fase, è bene ricordarlo, in cui entrambi godevano ancora del favore di una grossa fetta dell’opinione pubblica, oltre che dei rispettivi “eserciti”. Tuttavia, il mio intento non è certamente quello puerile e poco costruttivo di limitarmi a rivendicare che «avevo ragione» ma, piuttosto, di prendere atto di quanto un’analisi siffatta possa essere assai più produttiva oggi che le bocce sono ferme o quasi che non ieri, quando gli animi erano ancora surriscaldati.

D’altra parte, quali che siano le singole convinzioni, vi sfido a trovare ancora qualcuno che non si sia dovuto arrendere di fronte alla triste evidenza dei fatti di un’area politica completamente rasa al suolo e tuttora votata all’immobilismo e financo all’autodistruzione del bunker in cui è rintanata. Allora, visto che sono abituato a guardare il bicchiere mezzo pieno, penso che non esista momento più propizio di questo per scrollarci di dosso le tossine delle divisioni da cui siamo stati contaminati in passato, per poi produrci in un slancio che possa consentirci di spiccare quel volo che non sarà pindarico solo se saremo capaci di mettere da parte discussioni di piccolo cabotaggio imperniate sulla rivendicazione del particulare, in ragione di un progetto inclusivo nel quale – partendo da un pugno di punti non negoziabili (penso all’amor di Patria, alla lotta senza quartiere a un fisco oppressivo, alla battaglia per l’Europa dei Popoli in antitesi a quella delle banche e dei poteri forti, alla difesa della nostra Civiltà, alla riaffermazione del concetto di legalità e della certezza della pena, allo sviluppo dell’economia attraverso il rilancio della cultura, alla tutela della Famiglia e dei più deboli) attorno a cui tutti noi possiamo stringerci – ci siano ampi spazi di discussione. Non più imposizioni calate dall’alto ma, semmai, una fusione con il basso, che trasformi il partito che verrà in un tutt’uno con la gente attraverso strumenti come la Rete e le Primarie, ma anche riacquisendo la funzione vitale di punto di riferimento per il territorio.

Ciò che dobbiamo a noi stessi ma, sopratutto, alla memoria dei nostri padri e all’avvenire dei nostri figli è un Movimento Nazionale che diventi la casa di tutte le donne e di tutti gli uomini di buona volontà che abbiano la forza e il coraggio di caricarsi sulle spalle la responsabilità del nostro destino. I tempi sono bui, certo, ma questo non significa che siamo condannati alla notte eterna.

Advertisements
Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Da lunedì

alleanza nazionale - comodi Francesco Storace – Oggettivamente, se sulla velocissima e fortissima barca di Salvini salgono tutti gli sciagurati che, sia per rancore sia per ambizione sfrenata, hanno tirato il freno a mano nel tentativo di costruire una destra con più voti che veti, l’alba può arrivare.In effetti, è curiosa la corsa sul Carroccio del vincitore, come si dice adesso. Non immotivata, per carità, perché il comizio del leader leghista a piazza del Popolo ha soddisfatto molti palati nostri, se non altro in superficie. Era da tempo che attendevamo parole nette contro Renzi da parte dell’opposizione. La critica serrata sull’euro, l’affondo sull’immigrazione, la contestazione netta delle politiche fiscali sono tasselli di una linea che è assolutamente percepibile in termini di vicinanza di idee e battaglie.Ma la finalità di alcuni addetti ai lavori (e ai livori) nell’assalto alla diligenza, è altra, e sta nel soddisfacimento di ambizioni personali frustrate altrove. È comprensibile, ma c’è anche chi sente il dovere di provarci, almeno!, a creare di nuovo qualcosa a destra. Con facce diverse nella prima fila rispetto al passato, ma lavorandoci seriamente.

C’è bisogno di una forza politica che con la Lega possa certo allearsi, ma senza rinunciare ad un disegno politico e culturale che ci appartiene. Italia e non Italie; una concezione dello Stato non come nemico (semmai lo è il governo..) dei diritti delle persone; una discussione sull’imposizione di una flat tax a parole miracolosa, ma che poi rischia di cozzare con il principio costituzionale di progressività delle imposte che resta un caposaldo di politica economica.

Questi temi vanno rappresentati o no? E come? Nella Lega hanno possibilità di essere accolti? Se la risposta è positiva, vuol dire che si cominciano a modificare davvero i connotati del movimento di Salvini, al netto dei toni che ha usato nel comizio e di qualche parolaccia di troppo.

Altrimenti, dobbiamo provare con lealtà a raccogliere i cocci e offrire una sfida rinnovata al nostro popolo. Da lunedì intendo ricominciare a parlarne in lungo e largo. Approfitterò dell’occasione voluta, a Como, da un giovane e brillante intellettuale di destra, Alessandro Nardone, che ha pubblicato un libro – onorandomi della prefazione – dedicato proprio a “La destra che vorrei”. Che, a pensarci bene, è come la nazionale di calcio, ognuno di noi ha la sua formazione preferita. Se quella destra che ciascuno di noi vorrebbe diventasse un soggetto plurale, di molti e di tutti, la casa in cui abbiamo abitato per decenni potrebbe tornare accogliente.

La bella piazza di Salvini può essere bissata anche da un movimento nazionale di destra; del resto abbiamo ancora impressa dentro di noi l’emozione di ventimila persone che sfilarono in corteo sotto le insegne del nostro piccolo partito, “La Destra”. E se si impegnano anche coloro che con noi non c’erano e non ci sarebbero, tutti insieme faremo ancora meglio e molto di più.

Basta volerlo. Setacciando nuove, ma serie, energie; e mettendo a riposo antiche ambizioni di riproposizione personale. C’è bisogno di un Senato della destra italiana. Che individui e proponga al nostro popolo un percorso e una leadership. Giovane, ma che non sia vecchia di testa. Un libro, un giovane, una comunità. Per batterci con la nostra bandiera in pugno.

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Anche a Fondi grande successo per Nardone ed il suo “La destra che vorrei”

alessandro-nardone-fondiNonostante il vento dell’antipolitica soffi forte come non mai c’è stato chi, venerdì sera, ha riempito il Bourbon Street Pub di Fondi non per ascoltare uno spettacolo di musica live, ma per partecipare alla presentazione di un saggio politico durata oltre tre ore e mezza. Un evento a dir poco straordinario.

E’ accaduto all’incontro organizzato da Francesco Ciccone, nel quale Alessandro Nardone ha presentato il suo “La destra che vorrei”, dando vita ad un dibattito appassionato in merito allo scenario politico attuale guardandolo attraverso la lente degli argomenti contenuti nel libro.

Tenteremo di trasmettervi l’atmosfera di questa splendida serata, pubblicando una sintesi di ciò che ha scritto su Facebook uno di ragazzi che hanno preso parte al dibattito, Crescenzo Di Mugno:

“Esco dall’incontro di venerdì sera con Nardone con un clima di fiducia, di rinnovato entusiasmo! Di fronte a un bicchiere di vino si è tornati a parlare di politica, di Valori, di Ideali, ho risentito dopo tanti e tanti anni i nomi di Codreanu,di Paolo Borsellino, di Pino Rauti, ma questo non in forma di puro nostalgismo, ma in un discorso di trasmissione dei loro dettami e delle loro azioni verso il Futuro!

Penso, e dopo ieri sera ne sono ancora più convinto, che dai ragazzi come Alessandro Nardone debba uscire e debba radicarsi quel motore propulsivo che, nella falsa riga delle azioni di Matteo Renzi, riesca a rifondare la destra italiana, per lunghi anni sputtanata e distrutta dai vari Fini, La Russa, Gasparri, Alemanno, Matteoli e Meloni.

Vi invito a proseguire su questa strada, con incontri tematici di questo tipo e con ragazzi e uomini tipo Alessandro! E’ cosi che possiamo rinascere e tornare ad essere protagonisti della nostra nazione e del nostro Paese!

Mi sono tornati in mente i tanti anni passati con spirito di militanza prima nel Fronte e poi in Azione Giovani, e mi è tornato in mente uno dei primissimi incontri che ebbi in una famosa sezione romana dell’allora Msi di Sommacampagna con una figura storica e indelebile nel mio cuore e nella mia mente Giulio Caradonna, che ci disse: “ricordatevi, dovete dare voi qualcosa alla politica non è la politica che deve dare a voi!”.  Venerdì sera mi è sembrato di tornare indietro negli anni attivi della mia militanza politica, anni passati a sporcarci le mani con la colla, con le riunioni tematiche, degli incontri e delle presentazioni dei libri di Giano Accame, delle bellissime riunioni con relativi concerti con Gabriele Marconi, delle Bellissime serate e giornate a Orvieto con Storace e Alemanno in quella bellissima struttura che si chiamava Area! Grazie per la bellissima serata!”

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , | Leave a comment

Il 7 dicembre Alessandro Nardone a Fondi

Vai all’evento su Facebook

Il 7 dicembre Alessandro Nardone a Fondi

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , | Leave a comment

L’Ultimaparola, Nardone a Tabacci: “Eri in politica da prima che crollasse il Muro di Berlino”

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , | Leave a comment

Create a free website or blog at WordPress.com.