Posts Tagged With: libro

Una Destra per la Terza Repubblica, Alessandro Nardone relatore per i giovani

destra terza repubblica - nardone

Ore 9.30
SALUTI ISTITUZIONALI

Ore 10.00
LE SPERANZE DELLE NUOVE GENERAZIONI PER LA DESTRA CHE VERRÀ

RELATORE – Alessandro Nardone (Scrittore)
MODERATORE – Marco Cerreto (Comitato di reggenza Movimento Prima l’Italia)
Piero Adamo (Consigliere comunale di Messina)
Brian Carelli (Esecutivo romano Movimento Prima l’Italia)
Marco Colosimo (Consigliere comunale di Piacenza)
Angelo Eliantonio (Esecutivo nazionale Gioventù nazionale)
Fabrizio Fornaciari (Assessore Comune di Roseto degli Abruzzi, TE)
Filiberto Franchi (Assessore Comune di Bastia Umbra, PG)
Veronica Rigoni (Consigliere comunale di Creazzo, VI)
Andrea Santoro (Consigliere comunale di Napoli)

 

Ore 11.30
PERCORSO STORICO E VALORI FONDANTI DELLA DESTRA ITALIANA DALLA PRIMA ALLA SECONDA REPUBBLICA E VERSO IL FUTURO

RELATORE – Marcello Veneziani (Scrittore e giornalista) – invitato
MODERATORE – Angelo Mellone (Scrittore e giornalista)
Luciano Barra Caracciolo (Presidente di Sezione del Consiglio di Stato)
Andrea Di Consoli (Scrittore)
Diego Fusaro (Ricercatore in Storia della Filosofia, Università San Raffaele di Milano)
Mario Landolfi (Responsabile Pronti per il Sud)
Gennaro Malgieri (Scrittore e giornalista) – invitato
Domenico Nania (già Dirigente nazionale del MSI e di Alleanza nazionale)
Antonio Rinaldi (Professore straordinario di Economia Politica)

Ore 15.00
IDENTITÀ POLITICA E ALLEANZE DI GOVERNO PER LA DESTRA DEL CAMBIAMENTO

RELATORE – Gennaro Sangiuliano (vicedirettore Tg1)
MODERATORE – Gian Marco Chiocci (Direttore de “Il Tempo”)
Fabrizio Di Stefano (Deputato di Forza Italia)
Roberto Menia (Segretario generale CTIM, Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo)
Silvano Moffa (Presidente Azione popolare)
Isabella Rauti (Portavoce Movimento Prima l’Italia e componente dell’Esecutivo di Fdi-An)
Michele Saccomanno (Responsabile Dipartimento sanità di Fdi-An)
Francesco Storace (Vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio)
Achille Totaro (Deputato di Fdi-An)
Antonio Triolo (Comitato di reggenza del Movimento Prima l’Italia)
Adolfo Urso (Presidente Fondazione Farefuturo)
Pasquale Viespoli (Presidente Mezzogiorno nazionale)

DIBATTITO

Ore 18.00 – CHIUSURA

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Destra, il video integrale del faccia a faccia tra Storace e Nardone

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Tanta voglia di destra

la destra che vorrei - nardone - storaceEra il 31 gennaio del 1992 quando Giuliano Ferrara, nel promo provocatoriamente travestito in “camicia nera”, introdusse il tema della puntata de “L’istruttoria”, trasmissione politica delle reti Mediaset (nello specifico Italia 1), antesignana degli attuali talk show.

Ricordo tra gli ospiti in studio l’allora ministro per l’immigrazione, Margherita Boniver, Giampiero Mughini e Dacia Valent (recentemente deceduta). In collegamento esterno, alcuni giovani dei movimenti antifascisti e il segretario del Msi, Gianfranco Fini. Titolo del programma “Voglia di destra”.

La stessa che s’è respirata l’altro ieri sera, a Como, per la presentazione della nuova edizione, rivista e arricchita, del libro di Alessandro Nardone “La destra che vorrei” (Youcanprint editore, € 12, pag. 145 – www.ladestrachevorrei.it) cui ha partecipato come ospite d’eccezione, Francesco Storace, autore della prefazione del saggio.

L’incontro esce immediatamente dalle canoniche e rigide consegne della vernice estetica per trasformarsi in un coinvolgente dialogo a due, una sorta di intervista-dibattito, tutt’altro che politically correct, arricchita dalla felice trovata dell’autore di anticipare l’argomento della domanda grazie a un contributo fotografico, mostrato sia all’interlocutore sia al pubblico.

È stata l’occasione per confrontarsi e riflettere sulla storia di una comunità che si sente, forse, smarrita ma non certamente perduta.

«Chi determina, oggi, la passione in un Paese triste e rassegnato? – è stato il cupo ma significativo incipit di Storace – come può rivivere un’idea? Cosa manca all’Italia? Siamo privi – incalza Storace – di tre ingredienti fondamentali: Patria, dignità e destra».

La storia missina, quella che Storace sintetizza con una giusta intuizione «militanza come approccio alla politica», si interseca con quella di Alleanza Nazionale prima e della non felicissima “fusione a freddo” con il Pdl poi.

Nardone non ha fatto sconti, e l’ospite non s’è sottratto dal rispondere, anche su argomenti molto delicati che hanno tratteggiato la storia recente di Storace. Ferite ancora non del tutto cicatrizzate ma delle quali, ha confessato il diretto interessato, «non porto alcun rancore».

Il riferimento, ovviamente, è alla vicenda del marzo 2006 denominata “Laziogate”. Sette lunghi anni di tormento giudiziario (e non solo) macchiati dall’accusa odiosa di “associazione a delinquere” conclusasi con un’assoluzione perché “il fatto non sussiste”.

Peraltro le motivazioni della sentenza confermeranno che Storace, in quell’occasione, non solo non commise alcun reato, ma fu vittima dell’altrui comportamento illecito.

Non meno dolorosa fu l’accusa (agosto 2007) di “erogazione irregolare di finanziamenti” quando il politico romano ricopriva la carica di ministro della Salute.

Qui l’uomo più che il politico ha avuto uno scatto d’orgoglio: «Appena a conoscenza dell’indagine, e nonostante il parere contrario di Berlusconi – ha raccontato Storace – ho deciso di dimettermi. Chi ricopre cariche istituzionali deve restare incontaminato».  Una dichiarazione che ha strappato applausi.  Per la cronaca anche questa vicenda giudiziaria s’è conclusa con la formula “il fatto non sussiste”.

Tuttavia, il momento più malinconico è stato celebrato quando Nardone ha mostrato la foto di Sergio Ramelli. Una commozione silenziosa ha accomunato tutti. Oratori e pubblico. Gli occhi di Nardone si fanno lucidi (a Sergio è dedicato il capitolo del libro “Semplice e trasparente”) la voce di Storace più pacata e riflessiva.

«Ricordo che durante il primo consiglio dei Ministri cui partecipai mi misi a contare le sedie. Erano 27. Esattamente il numero dei nostri ragazzi assassinati durante gli anni di piombo. Il mio pensiero, quasi automaticamente, è andato al loro sacrificio. Mi piacerebbe, e lo propongo ufficialmente, che parte del patrimonio della Fondazione di Alleanza Nazionale venga utilizzato per garantire dei vitalizi alle famiglie dei caduti».

D’altra parte, se l’intenzione è quella di ricostruire un percorso identitario comune, come confermato dal direttore de “Il Giornale d’Italia, non si può cancellare la memoria. Elemento necessario a plasmare e forgiare un nuovo inizio.

Ha concluso la serata l’intervento di Massimo Corsaro ex Fratelli d’Italia (partito che ha contribuito a fondare). Si è trattata di un’analisi lucida, per nulla polemica, sullo stallo che caratterizza la destra. Si dice pronto a combattere «per quello in cui ho sempre creduto». «Offro a Storace la mia disponibilità ed esperienza per provare a costruire una nuova casa comune. Non nego, però, un certo scetticismo legato a certe ruggini, gelosie e malumori che animano il nostro mondo».

“La voglia di destra”, come ha testimoniato la sala gremita, arde ancora sotto la cenere. Potrà trasformarsi in fuoco vivo? Lo sapremo il prossimo 28 marzo alla residenza di Ripetta, dove diverse associazioni, tra cui“Giornale d’Italia” organizzeranno l’incontro “una destra per la Terza Repubblica”. Chi ci sta deve solo alzare la mano e dire “Presente”.

Carlo Cattaneo

@_MagliaNera_

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Nardone: tre libri, mille cose da dire

Clicca sull'immagine per ingrandirla

Clicca sull’immagine per ingrandirla

di Igor Traboni – Tre libri di successo, l’ultimo dei quali “La destra che vorrei”, con prefazione di Francesco Storace, verrà presentato lunedì 9 marzo a Como  (auditorium di Espansione Tv, ore 20.45) alla presenza dello stesso leader de La Destra. Tre libri  – ci sono anche “Ti odio da morire” e “Il predestinato” – che portano la firma di Alessandro Nardone. Giovane autore, origini ciociare ma dall’infanzia trapiantato in Lombardia, tra Como e Campione d’Italia, un lavoro nel settore del marketing e della comunicazione, una famiglia stupenda e una bambina da crescere, la politica come passione (è stato anche consigliere comunale nella città lariana e segretario regionale de La Destra) e tanti progetti in cantiere.

Ma allora Nardone, dove lo trovi il tempo per scrivere?

“Diciamo che mi muove una grande passione per quello che faccio. Poi lavoro nella comunicazione e dunque molti argomenti si intrecciano. E inoltre, oramai alla notte dormo poche ore!”

Tre libri e tre argomenti diversi. A quale sei più affezionato?

“Direi il primo. Un po’ perché il primo amore non si scorda mai e un po’ perché ero in un momento assai particolare della mia vita, dopo una forte delusione sentimentale. E infatti ‘Ti odio da morire’ è in parte anche autobiografico. Nel libro sulla destra c’è tutto il mio impegno politico, una passione nata quando avevo 14 anni e che penso non morirà mai. ‘Il predestinato’ credo rappresenti invece la prova di maturità letteraria. E sta andando bene, con molte presentazioni ovunque”.

A chi piace un libro, che potremmo anche definire come una sorta di spy story se il termine non fosse fin troppo abusato, come Il Predestinato?

“Ad un pubblico molto eterogeneo, dal ragazzo al 70enne. Me ne accorgo anche dall’interesse, dalle domande che fanno alle presentazioni. Se parlo di cose per me tutto sommato elementari, come ad esempio lo ‘spionaggio’ che subiamo con Google Maps, la gente resta esterrefatta. E così succede anche se parlo dell’intelligence, che è solo un tassello della politica, americana e no. Delle leve che governano il mondo, di quelle che sono le vere eminenze grigie e decidono, molto più di chi siede in un Parlamento. Del Datagate che è un po’ la metafora di quello che accade oggi, anche se Orwell lo capì 40 anni fa. Delle informazioni che ci passano per orientarci. Che ci hanno dato internet e i telefonini e ne siamo tutti felici, ma che in realtà proprio così ci controllano meglio. Che facebook è un grande fratello. E che però abbiamo paura di ammettere tutto questo perché in fondo abbiamo paura, anche di essere perseguiti. Fino ad arrivare ai collegamenti con il terrorismo internazionale e quindi con l’11 settembre che di fatto ha segnato l’inizio della terza guerra mondiale, anche se in pochi lo ammettono. Che poi, basta leggere i libri di storia: i Saraceni in Vaticano, a tagliare le gole agli ‘infedeli’, ci sono già stati”.

Temi ‘alti’, come quelli politici di cui diremo tra poco. Ma i giovani, li vedi interessati?

“Certo. Vengono alle presentazioni grazie al veicolo della Rete, di internet, un mezzo eccezionale se utilizzato bene. E poi scrivono mail, sono incuriositi, affascinati da certi temi. E molti mi mandano cose che hanno scritto loro, mostrando grande maturità. Come nel caso di una 17enne che ora ho iniziato anche a seguire come una sorta di agente letterario”

Intanto “Ti odio da morire” è diventato un caso letterario…

“Sì, ha totalizzato qualcosa come 100.000 downloads da iBooks, e migliaia di recensioni positive da parte dei lettori. Tanto che è rimasto in vetta alla classifica dello store di Apple per ben 47 giorni consecutivi”
Ed eccoci a “La destra che vorrei”, oramai una sorta di manifesto generazionale, ripubblicato in versione aggiornata da Youcaprint.it. Come sta andando?

“Non dovrei essere io a dirlo, ma sta andando davvero forte. Non riesco nemmeno a tener testa a tutti gli inviti che ricevo per presentarlo in giro per l’Italia. Anche perché non si tratta di una presentazione classica: partiamo dal libro per parlare poi della destra, di quello che ha fatto e non ha fatto, di quello che c’è da fare e da dare a questa Italia. Ed è così, con il dibattito che seguirà, che faremo anche a Como con Francesco Storace. L’evento inoltre sarò diffuso in diretta streaming e anche sul Giornale d’Italia tra qualche giorno daremo le coordinate per seguirlo”

E nel cassetto di Alessandro Nardone cosa c’è?

“Di certo non intendo fermarmi a questi tre libri. Ho già in mente, ad esempio, un seguito del Predestinato. Mentre, per quello già uscito, ci saranno sorprese importanti già nel giro di poche settimane. Ne riparleremo”.

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Da lunedì

alleanza nazionale - comodi Francesco Storace – Oggettivamente, se sulla velocissima e fortissima barca di Salvini salgono tutti gli sciagurati che, sia per rancore sia per ambizione sfrenata, hanno tirato il freno a mano nel tentativo di costruire una destra con più voti che veti, l’alba può arrivare.In effetti, è curiosa la corsa sul Carroccio del vincitore, come si dice adesso. Non immotivata, per carità, perché il comizio del leader leghista a piazza del Popolo ha soddisfatto molti palati nostri, se non altro in superficie. Era da tempo che attendevamo parole nette contro Renzi da parte dell’opposizione. La critica serrata sull’euro, l’affondo sull’immigrazione, la contestazione netta delle politiche fiscali sono tasselli di una linea che è assolutamente percepibile in termini di vicinanza di idee e battaglie.Ma la finalità di alcuni addetti ai lavori (e ai livori) nell’assalto alla diligenza, è altra, e sta nel soddisfacimento di ambizioni personali frustrate altrove. È comprensibile, ma c’è anche chi sente il dovere di provarci, almeno!, a creare di nuovo qualcosa a destra. Con facce diverse nella prima fila rispetto al passato, ma lavorandoci seriamente.

C’è bisogno di una forza politica che con la Lega possa certo allearsi, ma senza rinunciare ad un disegno politico e culturale che ci appartiene. Italia e non Italie; una concezione dello Stato non come nemico (semmai lo è il governo..) dei diritti delle persone; una discussione sull’imposizione di una flat tax a parole miracolosa, ma che poi rischia di cozzare con il principio costituzionale di progressività delle imposte che resta un caposaldo di politica economica.

Questi temi vanno rappresentati o no? E come? Nella Lega hanno possibilità di essere accolti? Se la risposta è positiva, vuol dire che si cominciano a modificare davvero i connotati del movimento di Salvini, al netto dei toni che ha usato nel comizio e di qualche parolaccia di troppo.

Altrimenti, dobbiamo provare con lealtà a raccogliere i cocci e offrire una sfida rinnovata al nostro popolo. Da lunedì intendo ricominciare a parlarne in lungo e largo. Approfitterò dell’occasione voluta, a Como, da un giovane e brillante intellettuale di destra, Alessandro Nardone, che ha pubblicato un libro – onorandomi della prefazione – dedicato proprio a “La destra che vorrei”. Che, a pensarci bene, è come la nazionale di calcio, ognuno di noi ha la sua formazione preferita. Se quella destra che ciascuno di noi vorrebbe diventasse un soggetto plurale, di molti e di tutti, la casa in cui abbiamo abitato per decenni potrebbe tornare accogliente.

La bella piazza di Salvini può essere bissata anche da un movimento nazionale di destra; del resto abbiamo ancora impressa dentro di noi l’emozione di ventimila persone che sfilarono in corteo sotto le insegne del nostro piccolo partito, “La Destra”. E se si impegnano anche coloro che con noi non c’erano e non ci sarebbero, tutti insieme faremo ancora meglio e molto di più.

Basta volerlo. Setacciando nuove, ma serie, energie; e mettendo a riposo antiche ambizioni di riproposizione personale. C’è bisogno di un Senato della destra italiana. Che individui e proponga al nostro popolo un percorso e una leadership. Giovane, ma che non sia vecchia di testa. Un libro, un giovane, una comunità. Per batterci con la nostra bandiera in pugno.

Categories: La destra che vorrei | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Blog at WordPress.com.